Rorate Caeli

News from Cadore


1. From Andrea Tornielli's interview with the Pope's secretary, Monsignor Georg Gänswein, published in today's edition of Il Giornale, a question on the reception of Summorum Pontificum:

Is the Pope concerned with some negative reactions [in the reception] of the "Motu proprio" on the old missal?

[Gänswein:] I have noticed with some surprise, closely following the press clippings and the public reactions to the "Motu proprio", that there have not been truly negative reactions. There do not seem to be, to me, explicitly negative reactions; the few critical opinions I have noticed are quite normal and acceptable in the sum of opinions which have been heard. I have nevertheless noticed that the text, and the letter of the Pope to the Bishops which accompanied it, have been received with great understanding and objectivity. We hope that the reception may render good fruits and the expected results.


2. A text of great historical interest: the Pope's last answer in the meeting with the clergy of the Dioceses of Belluno-Feltre and Treviso (in English) on the difficult historical aftermath of the Second Vatican Council.

5 comments:

Woody Jones said...

It is greatly to be hoped that the entire encounter of the Holy Father can be translated into Emglish and published. Even the automatic translation of the last answer shows that it is a tour de force review of Church history since the Council, viewed with the serenity, but also the realism, of a man of great faith.

For me it also says this: the Holy Father needs much help in developing and articulating the correct interpretation of the Council. All the more reason then, for the excommunications to be lifted and then the SSPX to be fully reconciled (with an adequate juridical status) so that the work of doctrinal discussion can be done fully from the inside, where it will be more effective, rather than as a dialogue of two somewhat distinct parties. My intuition is that the witness for Tradition will be much stronger if rendered from the inside.

Argentino said...

The principal passages (in my understanding) are highlighted in the following transciption. I think it is a positive vision of the Council, even of the liturgical reform. It is clear too that the Pope makes a clean distinction between the authentic Council from a false one, this false Council is clearly identified with the progressivism ("grandi rumori"):


R. – Grazie, è una domanda importante e che io conosco molto bene. Anch’io ho vissuto i tempi del Concilio, essendo nella Basilica di San Pietro con grande entusiasmo e vedendo come si aprivano nuove porte e pareva realmente essere la nuova Pentecoste, dove la Chiesa poteva nuovamente convincere l’umanità, dopo l’allontanamento del mondo dalla Chiesa nell’Ottocento e nel Novecento, sembrava si rincontrassero di nuovo Chiesa e mondo e che rinascesse nuovamente un mondo cristiano ed una Chiesa del mondo e veramente aperta al mondo. Abbiamo tanto sperato, ma le cose in realtà si sono rivelate più difficili. TUTTAVIA RIMANE LA GRANDE EREDITÀ DEL CONCILIO, CHE HA APERTO UNA STRADA NUOVA, È SEMPRE UNA MAGNA CHARTA DEL CAMMINO DELLA CHIESA, MOLTO ESSENZIALE E FONDAMENTALE. Ma perché è andata così? Prima vorrei forse cominciare con un’osservazione storica. I tempi di un post-Concilio sono quasi sempre molto difficili. Dopo il grande Concilio di Nicea - che per noi è realmente il fondamento della nostra fede, di fatto noi confessiamo la fede formulata a Nicea – non è nata una situazione di riconciliazione e di unità come aveva sperato Costantino, promotore di tale grande Concilio, ma una situazione realmente caotica di lite di tutti contro tutti. San Basilio nel suo libro sullo Spirito Santo paragona la situazione della Chiesa dopo il Concilio di Nicea ad una battaglia navale di notte dove nessuno più conosce l’altro, ma tutti sono contro tutti. Era realmente una situazione di caos totale: così descrive con colori forti il dramma del dopo Concilio, del dopo Nicea, San Basilio. Poi 50 anni dopo, per il Concilio primo di Costantinopoli, l’imperatore invita San Gregorio Nazianzeno a partecipare al Concilio e San Gregorio Nazianzeno risponde: No, non vengo, perché io conosco queste cose, so che da tutti i Concili nasce solo confusione e battaglia, quindi non vengo. E non è andato. Quindi non è adesso, in retrospettiva, una sorpresa così grande come era nel primo momento per noi tutti digerire il Concilio, questo grande messaggio. Immetterlo nella vita della Chiesa, riceverlo, così che diventi vita della Chiesa, assimilarlo nelle diverse realtà della Chiesa, è una sofferenza, e solo nella sofferenza si realizza anche la crescita. Crescere è sempre anche soffrire, perché è uscire da uno stato e passare ad un altro. E nel concreto del dopo-Concilio dobbiamo constatare che vi sono due grandi cesure storiche. Nel dopo-Concilio, la cesura del ‘68, l’inizio o l’esplosione - oserei dire - della grande crisi culturale dell’Occidente. Era finita la generazione del dopoguerra, una generazione che dopo tutte le distruzioni e vedendo l’orrore della guerra, del combattersi e constatando il dramma delle queste grandi ideologie che avevano realmente condotto le persone verso il baratro della guerra, avevamo riscoperto le radici cristiane dell’Europa e avevamo cominciato a ricostruire l’Europa con queste ispirazioni grandi. Ma finita questa generazione si vedevano anche tutti i fallimenti, le lacune di questa ricostruzione, la grande miseria nel mondo e così comincia, esplode la crisi della cultura occidentale, direi una rivoluzione culturale che vuole cambiare radicalmente. Dice: non abbiamo creato, in duemila anni di cristianesimo, il mondo migliore. Dobbiamo ricominciare da zero in modo assolutamente nuovo; il marxismo sembra la ricetta scientifica per creare finalmente il nuovo mondo. E in questo – diciamo – grave, grande scontro tra la nuova, sana modernità voluta dal Concilio e la crisi della modernità, diventa tutto difficile come dopo il primo Concilio di Nicea. Una parte era del parere che questa rivoluzione culturale era quanto aveva voluto il Concilio, identificava questa nuova rivoluzione culturale marxista con la volontà del Concilio; diceva: questo è il Concilio. NELLA LETTERA I TESTI SONO ANCORA UN PO’ ANTIQUATI, MA DIETRO LE PAROLE SCRITTE STA QUESTO SPIRITO, QUESTO È LA VOLONTÀ DEL CONCILIO, COSÌ DOBBIAMO FARE. E DALL’ALTRA PARTE, NATURALMENTE, LA REAZIONE: COSÌ DISTRUGGETE LA CHIESA. LA REAZIONE – DICIAMO – ASSOLUTA CONTRO IL CONCILIO, LA ANTI-CONCILIARITÀ E – DICIAMO – LA TIMIDA, UMILE RICERCA DI REALIZZARE IL VERO SPIRITO DEL CONCILIO. E come dice un proverbio “Se cade un albero fa grande rumore, SE CRESCE UNA SELVA NON SI SENTE NIENTE PERCHÉ SI SVILUPPA UN PROCESSO SENZA RUMORE” E QUINDI DURANTE QUESTI GRANDI RUMORI DEL PROGRESSISMO SBAGLIATO, DELL’ANTI-CONCILIARISMO CRESCE MOLTO SILENZIOSAMENTE, CON TANTE SOFFERENZE E ANCHE CON TANTE PERDITE NELLA COSTRUZIONE DI UN NUOVO PASSAGGIO CULTURALE, IL CAMMINO DELLA CHIESA. E poi la seconda cesura nell’89. Il crollo dei regimi comunisti, ma la risposta non fu il ritorno alla fede, come si poteva forse aspettare, NON FU LA RISCOPERTA CHE PROPRIO LA CHIESA CON IL CONCILIO AUTENTICO AVEVA DATO LA RISPOSTA. La risposta fu invece lo scetticismo totale, la cosiddetta post-modernità. Niente è vero, ognuno deve vedere come vivere, si afferma un materialismo, uno scetticismo pseudo-razionalista cieco che finisce nella droga, finisce in tutti questi problemi che conosciamo e di nuovo chiude le strade alla fede, perché è così semplice, così evidente. No, non c’è nulla di vero. La verità è intollerante, non possiamo prendere questa strada. Ecco: IN QUESTI CONTESTI DI DUE ROTTURE CULTURALI, la prima, la rivoluzione culturale del ’68, la seconda, la caduta potremmo dire nel nichilismo dopo l’89, LA CHIESA CON UMILTÀ, TRA LE PASSIONI DEL MONDO E LA GLORIA DEL SIGNORE, PRENDE LA SUA STRADA. SU QUESTA STRADA DOBBIAMO CRESCERE CON PAZIENZA E DOBBIAMO ADESSO IN UN MODO NUOVO IMPARARE CHE COSA VUOL DIRE RINUNCIARE AL TRIONFALISMO. IL CONCILIO AVEVA DETTO DI RINUNCIARE AL TRIONFALISMO – E AVEVA PENSATO AL BAROCCO, A TUTTE QUESTE GRANDI CULTURE DELLA CHIESA. SI DISSE: COMINCIAMO IN MODO MODERNO, NUOVO. MA ERA CRESCIUTO UN ALTRO TRIONFALISMO, QUELLO DI PENSARE: NOI ADESSO FACCIAMO LE COSE, NOI ABBIAMO TROVATO LA STRADA E TROVIAMO SU DI ESSA IL MONDO NUOVO. MA L’UMILTÀ DELLA CROCE, DEL CROCIFISSO ESCLUDE PROPRIO ANCHE QUESTO TRIONFALISMO, DOBBIAMO RINUNCIARE AL TRIONFALISMO SECONDO CUI ADESSO NASCE REALMENTE LA GRANDE CHIESA DEL FUTURO. LA CHIESA DI CRISTO È SEMPRE UMILE E PROPRIO COSÌ È GRANDE E GIOIOSA. MI SEMBRA MOLTO IMPORTANTE CHE ADESSO POSSIAMO VEDERE CON OCCHI APERTI QUANTO È ANCHE CRESCIUTO DI POSITIVO NEL DOPO CONCILIO: NEL RINNOVAMENTO DELLA LITURGIA, NEI SINODI, SINODI ROMANI, SINODI UNIVERSALI, SINODI DIOCESANI, NELLE STRUTTURE PARROCCHIALI, NELLA COLLABORAZIONE, NELLA NUOVA RESPONSABILITÀ DEI LAICI, NELLA GRANDE CORRESPONSABILITÀ INTERCULTURALE E INTERCONTINENTALE, IN UNA NUOVA ESPERIENZA DELLA CATTOLICITÀ DELLA CHIESA, DELL’UNANIMITÀ CHE CRESCE IN UMILTÀ E TUTTAVIA È LA VERA SPERANZA DEL MONDO. E COSÌ DOBBIAMO, MI SEMBRA, RISCOPRIRE LA GRANDE EREDITÀ DEL CONCILIO CHE NON È UNO SPIRITO RICOSTRUITO DIETRO I TESTI, MA SONO PROPRIO I GRANDI TESTI CONCILIARI RILETTI ADESSO CON LE ESPERIENZE CHE ABBIAMO AVUTO E CHE HANNO PORTATO FRUTTO IN TANTI MOVIMENTI, TANTE NUOVE COMUNITÀ RELIGIOSE. In Brasile sono arrivato sapendo come si espandono le sette e come sembra un po’ sclerotizzata la Chiesa cattolica; ma una volta arrivato ho visto che quasi ogni giorno in Brasile nasce una nuova comunità religiosa, nasce un nuovo movimento, non solo crescono le sette. CRESCE LA CHIESA CON NUOVE REALTÀ PIENE DI VITALITÀ, NON COSÌ DA RIEMPIRE LE STATISTICHE - QUESTA È UNA SPERANZA FALSA, LA STATISTICA NON È LA NOSTRA DIVINITÀ - MA CRESCONO NEGLI ANIMI E CREANO LA GIOIA DELLA FEDE, CREANO PRESENZA DEL VANGELO, CREANO COSÌ ANCHE VERO SVILUPPO DEL MONDO E DELLA SOCIETÀ. QUINDI MI SEMBRA CHE DOBBIAMO COMBINARE LA GRANDE UMILTÀ DEL CROCIFISSO, DI UNA CHIESA CHE È SEMPRE UMILE E SEMPRE CONTRASTATA DAI GRANDI POTERI ECONOMICI, MILITARI ECC., MA DOBBIAMO IMPARARE INSIEME CON QUESTA UMILTÀ ANCHE IL VERO TRIONFALISMO DELLA CATTOLICITÀ CHE CRESCE IN TUTTI I SECOLI. CRESCE ANCHE OGGI LA PRESENZA DEL CROCIFISSO RISORTO, CHE HA E CONSERVA LE SUE FERITE; È FERITO, MA PROPRIO COSÌ RINNOVA IL MONDO, DÀ IL SUO SOFFIO CHE RINNOVA ANCHE LA CHIESA NONOSTANTE TUTTA LA NOSTRA POVERTÀ. E DIREI, IN QUESTO INSIEME DI UMILTÀ DELLA CROCE E DI GIOIA DEL SIGNORE RISORTO, CHE NEL CONCILIO CI HA DATO UN GRANDE INDICATORE DI STRADA, POSSIAMO ANDARE AVANTI GIOIOSAMENTE E PIENI DI SPERANZA.

John L said...

'TUTTAVIA RIMANE LA GRANDE EREDITÀ DEL CONCILIO, CHE HA APERTO UNA STRADA NUOVA, È SEMPRE UNA MAGNA CHARTA DEL CAMMINO DELLA CHIESA, MOLTO ESSENZIALE E FONDAMENTALE.' What a load of nonsense! How can anyone still believe this?

Anonymous said...

I, too, was disappointed with Our Holy Father's answer.

Diabolical disorientation, still.

Jeff said...

Yes, I expect many--though perhaps not all--traditionalists will be disappointed in the answer.

But you know it seems wise to me. Far deeper and more trenchant analysis than has come from almost anyone else.

I have wrestled for years with the issue of Vatican Two and have a great deal of sympathy for the traditionalist analysis. But I have never in the end been able to accept it fully.

Difficult as it might be to make sense out of the council and its results in a positive way, I was always left feeling that a complete renunciation of VAtican Two was even more problematic.

This idea of a period of chaos being a natural part of growth does in fact make a great deal of sense to me. And the Pope's historical comparison to Nicaea seems absolutely brilliant to me.

I agree with Woody Jones. Precisely the thing that some trads whose canonical situation is unclear (shall we say) fear--that they will become part of the "Conciliar Church" is what we desperately need. We need them to help the Church as a whole. They have a great deal to teach us.

But as the Church undergoes a self-examination, they too must be humble enough to rethink things.

And in the end, we will end up doing so, by the grace of God.