Rorate Caeli

Petrus Apostolus: a significant address of the Holy Father

The address (Lectio Divina on the First Epistle of Saint Peter) by the Holy Father to the Seminarians of Rome, his seminarians, delivered in the Roman Major Seminary (Seminario Maggiore) last Friday, on the feast of the Madonna della Fiducia, is just so beautiful, so Roman, so Petrine, so profound, that it certainly deserves at least not to go unnoticed here at Rorate. He also speaks of the Council (natürlich...), recalling John XXIII's words against the "prophets of doom" but being even more incisive against those who reacted with optimism as the Church seemed (and seems?...) to fall apart in the 1960s and 1970s.

[W]e have reason not to let ourselves be influenced - as Pope John said - by the prophets of doom. (...) Naturally, there is a false optimism and a false pessimism. A false pessimism that says: Christianity's time is over. No: it begins anew! The false optimism was that following the Council, when convents closed down, seminaries closed down, and they said: well... this is nothing, all is well... No! All is not well!

Anyway, since we do not have the time for a proper translation at the moment (we will post the full Vatican translation, that should show up this week, as soon as it is made available), we will just keep some passages here for the record of events.

__________________________

Abbiamo ascoltato tre versetti dalla Prima Lettera di San Pietro (cfr 1,3-5). Prima di entrare in questo testo, mi sembra importante proprio essere attenti al fatto che è Pietro che parla. Le prime due parole della Lettera sono “Petrus apostolus” (cfr v. 1): lui parla, e parla alle Chiese in Asia e chiama i fedeli “eletti e stranieri dispersi” (ibidem). Riflettiamo un po’ su questo. Pietro parla, e parla - come si sente alla fine della Lettera - da Roma, che ha chiamato “Babilonia” (cfr 5,13). Pietro parla: quasi una prima enciclica, con la quale il primo apostolo, vicario di Cristo, parla alla Chiesa di tutti i tempi. [Peter speaks: almost a first encyclical, with which the first Apostle, the Vicar of Christ, speaks to the Church of all times.]


Pietro, apostolo. Parla quindi colui che ha trovato in Cristo Gesù il Messia di Dio, che ha parlato come primo in nome della Chiesa futura: “Tu sei Cristo, il Figlio del Dio vivo” (cfr Mt 16,16). Parla colui che ci ha introdotto in questa fede. Parla colui al quale il Signore ha detto: “Ti trasmetto le chiavi del regno dei cieli” (cfr Mt 16,19), al quale ha affidato il suo gregge dopo la Risurrezione, dicendogli tre volte: “Pascola il mio gregge, le mie pecore” (cfr Gv 21,15-17). Parla anche l’uomo che è caduto, che ha negato Gesù e che ha avuto la grazia di vedere lo sguardo di Gesù, di essere toccato nel suo cuore e di avere trovato il perdono e un rinnovamento della sua missione. Ma è soprattutto importante che questo uomo, pieno di passione, di desiderio di Dio, di desiderio del regno di Dio, del Messia, che quest’uomo che ha trovato Gesù, il Signore e il Messia, è anche l’uomo che ha peccato, che è caduto, e tuttavia è rimasto sotto gli occhi del Signore e così rimane responsabile per la Chiesa di Dio, rimane incaricato da Cristo, rimane portatore del suo amore.

Parla Pietro l’apostolo, ma gli esegeti ci dicono: non è possibile che questa Lettera sia di Pietro, perché il greco è talmente buono che non può essere il greco di un pescatore del Lago di Galilea. E non solo il linguaggio, la struttura della lingua è ottima, ma anche il pensiero è già abbastanza maturo, ci sono già formule concrete nelle quali si condensa la fede e la riflessione della Chiesa. Quindi essi dicono: è già uno stato di sviluppo che non può essere quello di Pietro. Come rispondere? Vi sono due posizioni importanti: primo, Pietro stesso – cioè la Lettera – ci dà una chiave perché alla fine dello Scritto dice: “Vi scrivo tramite Silvano – dia Silvano”. ... E questo è molto importante: non parla Pietro come individuo, parla ex persona Ecclesiae, parla come uomo della Chiesa, certamente come persona, con la sua responsabilità personale, ma anche come persona che parla in nome della Chiesa: non solo idee private, non come un genio del secolo XIX che voleva esprimere solo idee personali, originali, che nessuno avrebbe potuto dire prima. No. Non parla come genio individualistico, ma parla proprio nella comunione della Chiesa. Nell’Apocalisse, nella visione iniziale di Cristo è detto che la voce di Cristo è la voce di molte acque (cfr Ap 1,15). Questo vuol dire: la voce di Cristo riunisce tutte le acque del mondo, porta in sé tutte le acque vive che danno vita al mondo; è Persona, ma proprio questa è la grandezza del Signore, che porta in sé tutto il fiume dell’Antico Testamento, anzi, della saggezza dei popoli. ...

Vorrei dire ancora una cosa: san Pietro scrive da Roma. E’ importante: qui abbiamo già il Vescovo di Roma, abbiamo l’inizio della successione, abbiamo già l’inizio del primato concreto collocato a Roma, non solo consegnato dal Signore, ma collocato qui, in questa città, in questa capitale del mondo. Come è venuto Pietro a Roma? Questa è una domanda seria. Gli Atti degli Apostoli ci raccontano che, dopo la sua fuga dal carcere di Erode, è andato in un altro luogo (cfr 12,17) – eis eteron topon –, non si sa in quale altro luogo; alcuni dicono Antiochia, alcuni dicono Roma. In ogni caso, in questo capitolo, va detto anche che, prima di fuggire, ha affidato la Chiesa giudeo-cristiana, la Chiesa di Gerusalemme, a Giacomo e, affidandola a Giacomo, egli tuttavia rimane Primate della Chiesa universale, della Chiesa dei pagani, ma anche della Chiesa giudeo-cristiana. E qui a Roma ha trovato una grande comunità giudeo-cristiana. I liturgisti ci dicono che nel Canone romano ci sono tracce di un linguaggio tipicamente giudeo-cristiano; così vediamo che in Roma si trovano ambedue le parti della Chiesa: quella giudeo cristiana e quella pagano-cristiana, unite, espressione della Chiesa universale. E per Pietro certamente il passaggio da Gerusalemme a Roma è il passaggio all’universalità della Chiesa, il passaggio alla Chiesa dei pagani e di tutti i tempi, alla Chiesa anche sempre degli ebrei. [And certainly for Peter the passage from Jerusalem to Rome is the passage to the universality of the Church, the passage to the Church of the pagans and of all times, to the Church that still was also of the Jews.] 

E penso che, andando a Roma, san Pietro non solo ha pensato a questo passaggio: Gerusalemme/Roma, Chiesa giudeo-cristiana/Chiesa universale. Certamente si è ricordato anche delle ultime parole di Gesù a lui rivolte, riportate da san Giovanni: “Alla fine, tu andrai dove non vuoi andare. Ti cingeranno, estenderanno le tue mani” (cfr Gv 21,18). E’ una profezia della crocifissione. I filologi ci mostrano che è un’espressione precisa, tecnica, questo “estendere le mani”, per la crocifissione. San Pietro sapeva che la sua fine sarebbe stato il martirio, sarebbe stata la croce. E così, sarà nella completa sequela di Cristo. Quindi, andando a Roma certamente è andato anche al martirio: in Babilonia lo aspettava il martirio. Quindi, il primato ha questo contenuto della universalità, ma anche un contenuto martirologico. Dall’inizio, Roma è anche luogo del martirio. Andando a Roma, Pietro accetta di nuovo questa parola del Signore: va verso la Croce, e ci invita ad accettare anche noi l’aspetto martirologico del cristianesimo, che può avere forme molto diverse. E la croce può avere forme molto diverse, ma nessuno può essere cristiano senza seguire il Crocifisso, senza accettare anche il momento martirologico.
...

Forse oggi siamo tentati di dire: non vogliamo essere gioiosi di essere eletti, sarebbe trionfalismo. Trionfalismo sarebbe se noi pensassimo che Dio mi ha eletto perché io sono così grande. Questo sarebbe realmente trionfalismo sbagliato. Ma essere lieti perché Dio mi ha voluto non è trionfalismo, ma è gratitudine, e penso che dobbiamo re-imparare questa gioia: Dio ha voluto che io sia nato così, in una famiglia cattolica, che abbia conosciuto dall’inizio Gesù. Che dono essere voluto da Dio, così che ho potuto conoscere il suo volto, che ho potuto conoscere Gesù Cristo, il volto umano di Dio, la storia umana di Dio in questo mondo! Essere gioiosi perché mi ha eletto per essere cattolico, per essere in questa Chiesa sua, dove subsistit Ecclesia unica; dobbiamo essere gioiosi perché Dio mi ha dato questa grazia, questa bellezza di conoscere la pienezza della verità di Dio, la gioia del suo amore.

Siamo, come cristiani, proprio oggi, anche sempre stranieri. Nei posti di lavoro i cristiani sono una minoranza, si trovano in una situazione di estraneità; meraviglia che uno oggi possa ancora credere e vivere così. Questo appartiene anche alla nostra vita: è la forma di essere con Cristo Crocifisso; questo essere stranieri, non vivendo secondo il modo in cui vivono tutti, ma vivendo – o cercando almeno di vivere – secondo la sua Parola, in una grande diversità rispetto a quanto dicono tutti. E proprio questo per i cristiani è caratteristico. Tutti dicono: “Ma tutti fanno così, perché non io?” No, io no, perché voglio vivere secondo Dio. Sant’Agostino una volta ha detto: “I cristiani sono quelli che non hanno le radici in giù come gli alberi, ma hanno le radici in su, e vivono questa gravitazione non nella gravitazione naturale verso il basso”. Preghiamo il Signore perché ci aiuti ad accettare questa missione di vivere come dispersi, come minoranza, in un certo senso; di vivere come stranieri e tuttavia di essere responsabili per gli altri e, proprio così, dando forza al bene nel nostro mondo.

...
Seconda parola: eredità. E’ una parola molto importante nell’Antico Testamento, dove è detto ad Abramo che il suo seme sarà erede della terra, e questa è stata sempre la promessa per i suoi: Voi avrete la terra, sarete eredi della terra. Nel Nuovo Testamento, questa parola diventa parola per noi: noi siamo eredi, non di un determinato Paese, ma della terra di Dio, del futuro di Dio. Eredità è una cosa del futuro, e così questa parola dice soprattutto che da cristiani abbiamo il futuro: il futuro è nostro, il futuro è di Dio. E così, essendo cristiani, sappiamo che nostro è il futuro e l’albero della Chiesa non è un albero morente, ma l’albero che cresce sempre di nuovo. Quindi, abbiamo motivo di non lasciarci impressionare - come ha detto Papa Giovanni - dai profeti di sventura, [we have reason not to let ourselves be influenced - as Pope John said - by the prophets of doom] che dicono: la Chiesa, bene, è un albero venuto dal grano di senape, cresciuto in due millenni, adesso ha il tempo dietro di sé, adesso è il tempo in cui muore”. No. La Chiesa si rinnova sempre, rinasce sempre. Il futuro è nostro. Naturalmente, c’è un falso ottimismo e un falso pessimismo. Un falso pessimismo che dice: il tempo del cristianesimo è finito. No: comincia di nuovo! Il falso ottimismo era quello dopo il Concilio, quando i conventi chiudevano, i seminari chiudevano, e dicevano: ma … niente, va tutto bene … No! Non va tutto bene. Ci sono anche cadute gravi, pericolose, e dobbiamo riconoscere con sano realismo che così non va, non va dove si fanno cose sbagliate. [The false optimism was that following the Council, when convents closed down, seminaries closed down, and they said: well... this is nothing, all is well... No! All is not well.] Ma anche essere sicuri, allo stesso tempo, che se qua e là la Chiesa muore a causa dei peccati degli uomini, a causa della loro non credenza, nello stesso tempo, nasce di nuovo. Il futuro è realmente di Dio: questa è la grande certezza della nostra vita, il grande, vero ottimismo che sappiamo. La Chiesa è l’albero di Dio che vive in eterno e porta in sé l’eternità e la vera eredità: la vita eterna.
...

Infine, custoditi dalla fede. Il testo del Nuovo Testamento, della Lettera di San Pietro, usa qui una parola rara, phrouroumenoi, che vuol dire: ci sono “i vigili”, e la fede è come “il vigile” che custodisce l’integrità del mio essere, della mia fede. Questa parola interpreta soprattutto i “vigili” delle porte di una città, dove essi stanno e custodiscono la città, affinché non sia invasa da poteri di distruzione. Così la fede è “vigile” del mio essere, della mia vita, della mia eredità. Dobbiamo essere grati per questa vigilanza della fede che ci protegge, ci aiuta, ci guida, ci da la sicurezza: Dio non mi lascia cadere dalle sue mani.

8 comments:

Gratias said...


My reading of this beautiful text is as through a darkened mirror glass through my faulty Italian. We are most fortunate to have been born Catholic. Peter went to Rome toward the cross. Our cross may have diverse forms but no one can be Christian without following the crucifix and accepting moments of martyrdom.

Benedict XVI is a living blessing. Viva.

Luciana Cuppo said...

For some remarks on this address by Pope Benedict XVI, click on "Chiesa e postconcilio" in the Blog Roll to your right.

At any rate, Ap. 1:15 reads, "His voice was AS the voice of many waters" (some translations have "like" many waters). The voice of Christ is compared to, but not identified with, the waters. Is accuracy such an unattainable goal?

Luciana Cuppo

Benedict Carter said...

“[W]e have reason not to let ourselves be influenced - as Pope John said - by the prophets of doom.”

This comment was immediately understood by those listening to be a Papal rejection of the three seers of Fatima and of Our lady’s demand that Russia be consecrated to the Immaculate Heart (which has still not been done).

The pride spoken of in a recent thread was on display then from even before the Council sat.

This is THE major story of Vatican II: it started with the Pope himself sticking a middle digit northwards to Our Lady and to Heaven. And isn’t that the post-Vatican II Church’s prime error, at heart? To trust in the ways and powers of Man rather than those of God. In this lies a rejection, a loss of faith, a surrender, and a BETRAYAL.

This Pope commits the same grave error.

May God forgive them all. I can hardly do so.

Optimist said...

Beautiful. Let's pray that when the the official translation appears it is faithful to the original text, and not some Vatican official's attempt at a "clarification"....

New Catholic said...

"This comment was immediately understood by those listening to be a Papal rejection of the three seers of Fatima"

Not particularly - it was more directed, apparently, against some prelates. Who were right in the end...

In an address by the Supreme Authority dealing with St. Peter, his primacy, and the Roman See, I think we could be more cautious about speaking of "errors"...

Semel catholicus said...

The age of the resigning Popes now begins.

Surely the Successors of Benedict XVI will follow in his footsteps and resign one after the other, just like Dutch Queens do.

An impressive subproduct of the Church of Vatican II mentality, that one day will lead to a "republican" Papacy, with each Pope serving a term of years, say, 10 years.

The belief that "our modern age" is different, that it requires a new way of governing the Church (not until death, but until one recognizes that one is not in his physical and mental prime), is present in the speech. Thus, it is the modern age that requires this novelty, this change to usual length of the commitment of the Pope to his office.

Liberal voices had been asking for Papal Abdication since the days of bl. John Paul II. Who, in spite of his ilness, stood firm at the helm of the Church. Now, Benedict XVI grants the wish of the liberals and abdicates.

In performing this abyssal mistake, Pope Benedict displays a lack of appreciation for the monarchical nature of the Church. It was his duty to remain married to the See of Peter to the end of his days, and his abdication, far from being justyfied as the resignations of St. Celestine V and Gregory XII were, will prove to be yet another advance of the Spirit of the Council.

Pulex said...

As to the blog post referred by Luciana Cuppo above, there was pointed out also a certain 'non sequitur' in the Holy Father's speech in relation to the Petrine authorship and Silvanus. It looks that this Silvanus is just a St. Peter's secretary or communications man, which by no means implies collective authorship or editorship of the Epistle, nor anything indicates that this particular man symbolizes "communion of the Church". Surely the apostle could use his services also in expressing his private opinions. And, by the way, St. Peter was a direct receiver of the public revelation, so to proclaim the doctrine of faith he did not need to ask opinion of "flesh and blood", neither of his fellow apostles, nor (a fortiori) other faithful.

Sancrucensis said...

An English translation is now online at Zenit: http://www.zenit.org/en/articles/pope-s-lectio-divina-at-visit-to-rome-s-major-seminary