Rorate Caeli

Bagnasco speaks on the Motu Proprio

From the main address of the President of the Italian Episcopal Conference (CEI), Archbishop Angelo Bagnasco, to the permanent council of the Conference (September 17, 2007).

The initiative regarding which even the intra-Church attention has been focused in the past few months is the "Motu proprio" Summorum Pontificum, on the use of the Roman liturgy prior to the reform of 1970 and officially in force from the past September 14. The goal of this pronouncement is clearly entirely spiritual and pastoral. In fact, on the one hand, "it behooves all of us to preserve the riches which have developed in the Church’s faith and prayer" - as the Pope writes in the accompanying letter to the "Motu proprio" -; on the other, it is necessary "to make every effort to enable for all those who truly desire unity to remain in that unity or to attain it anew".

Within this horizon, he deigns to include as an "extraordinary" expression in the lex orandi of the Church the Roman Missal promulgated by Saint Pius V and aggiornato by Blessed John XXIII in 1962, though the "ordinary" way remains the Roman Missal published by Paul VI in 1970. And he insists in clarifying that there will not be two rites, but "two uses of the one Roman rite", who all [of us] wish always to be at the center of the ecclesial life, an occasion of full "reconciliation" and of a living unity in the Church herself.

What the Pope encourages us to adopt, beyond the cultural forces to which one is necessarily susceptible, is thus an inclusive, and not a confrontational, interpretative key. In the history of the liturgy, as in the life of the Church, there is "growth and progress, but never rupture", as he had already had the chance to affirm in the speech to the Roman Curia of December 22, 2005. In fact, in that occasion, celebrating the 40th anniversary of the Second Vatican Council, he indicated as valid not "the hermeneutic of discontinuity and rupture", but rather that of "reform, of renewal in continuity with the one subject-Church". In other words, it is the solicitude for the unity of the Church "in space and time" the motivating force which moves Benedict XVI, a matter which fundamentally pertains to the Successor of Peter.

But this passion for unity must move every Christian and every pastor considering the prospects which are opened with the "Motu proprio". And not, therefore, the search for a personal aesthetic fancy, detached from the community and often in opposition to others, but a will to include oneself always more in the Mystery of the Church which prays and celebrates, not excluding anyone and without a forestalling opposition regarding other liturgical forms or regarding the Second Vatican Council. Only thus will it be avoided that a measure intended towards greater unity and fervor in the Christian community be used instead to hurt and divide it.

I wish to add, nonetheless, that I am reasonably optimistic on a better appraisal of the "Motu proprio" in the life of our parishes. And I trust that certain pessimistic concerns, voiced [at the time], soon showed themselves to be unfounded. The sense of balance which has always characterized our clergy and, therefore, our pastoral [work], will allow [us] to find, thanks to the moderating action of the Bishops, the just way to make the new bud blossom in the living plant of ecclesial liturgy, and even, as a final result, to relaunch and increase the latter in its entirety.

13 comments:

Augustinus said...

Hopefully he will have an appropriate word ("fraternal correction"?) with his confrere, Bishop Raffaele Nogaro of Caserta.

John Mastai said...

Now what's for dessert? Oh yes! Humble Pie.

Anonymous said...

always had a "sense of balance"?

O yeah, like the previous occupant's sense of balance in rejecting the Indult Mass? and in wanting the names, addresses, parish names and phone numbers of those who petitioned for it? Like it was some sortt of witches coven?

A sense of balance!

Enough with the politically correct drivel!

Anonymous said...

"And not, therefore, the search for a personal aesthetic fancy, detached from the community and often in opposition to others..."

I had to read that sentence twice. Seems like plenty of "aesthetic fancy" has been going on for the past 40 years, but now that the Motu Proprio is out, they seem to be targeting the Tridentine Mass as the culprit for "aesthetic fancy"? How humble of them!

Martin said...

May I suggest the previous 'anonymous' rereads the text a third time. In my opinion your intepretation is vacuous. Please read and thereafter consider the import of the entire paragraph and you will conclude that it is as the Holy Father requests of us so often; a call to unity, love and tolerance for and with each other. Loving our neighbour and feeling free to attend both forms of the Roman Rite in the one true faith of the Holy Catholic Church if we so desire.

Let's leave our outdated bigotry behind and move forward, together, in repairing the damage of the last 40 years.

segundavista said...

Se faz preciso que a verdade seja propagada:

http://ilhacancaonovadafantasia.blogspot.com/

Um estudo definitivo sobre a Canção Nova no Second Life.

Conto com sua ajuda. Divulgue! Espalhe!

segundavista said...

(in portuguese.)

Anonymous said...

Archbishop Bagnasco is more than Nogaro's confrere; he's head of the CEI. Therefore, Bagnasco should react rather harshly to Nogaro's publicly dismissive attitude toward the MP. Bagnasco doesn't seem the type to suffer fools gladly. I imagine there might have been a phone call.

Janice

Anonymous said...

Nogaro, Bishop of Caserta will be 74 shortly. Same age as the whining Bishop Luca Brandolini, who oped that the Motu Proprio had destroyed the reforms of Vatican II. If the reforms are so flimsy, and have so little support as that, then so be it.
Fortunatly, both bishops have only 1 year to go before both hopefully get their walking papers from Benedict XVI.

Anonymous said...

"Let's leave our outdated bigotry behind and move forward, together, in repairing the damage of the last 40 years."

That's right, its the Traditionalists who have been guilty of the bigotry for the past 40 years. It was and is all their fault, all along. That's what the MP of B16 means.

Thank you for enlightening me!

Why did I never see it?

Anonymous said...

We have been wronged, and it is perhaps righteous anger that we feel; but we should remember that Our Lord told us to turn the other cheek, that Our Lord's ultimate example was quiet suffering and forgiveness--"they know not what they do"--than it was anger. We should turn the other cheek, happy that God has chosen us to suffer for righteousness's sake; for, ours is the kingdom of heaven.

Anonymous said...

See this speech of Imperia's bishop Mario Oliveri, a very good prelate
(from diocese's website)

presentazione del

Motu Proprio “Summorum Pontificum”


indicazioni per l’applicazione in Diocesi

La riflessione che abbiamo compiuto questa mattina sulla natura immutabile della Liturgia rende facile ed agevole la comprensione del significato e del valore del Motu Proprio “Summorum Pontificum” circa la celebrazione della Santa Messa in forma ordinaria secondo la riforma del Messale promulgata dal Papa Paolo VI, ed in forma straordinaria secondo il Messale del 1962 di Giovanni XXIII, che ha apportato semplici variazioni rispetto al Messale di San Pio V, o meglio, che ha introdotto le variazioni avvenute sotto il Pontificato di Pio XII.

Il significato ed il valore – a mio giudizio di fondamentale importanza – del Motu Proprio di Benedetto XVI consiste nell’aver ricordato, implicitamente e sebbene “non expressis verbis” che la riforma liturgica, voluta e chiesta dalla Costituzione Conciliare “Sacrosanctum Concilium”, e quindi attuata sotto il Pontificato di Papa Paolo VI, non ha mutato la natura o la sostanza della Divina Liturgia, non ha toccato – non ha voluto farlo né lo poteva fare – ciò che appartiene all’essenza del Divin Sacrificio della Santa Messa: intatta è rimasta la Santa Messa in ciò che essa è per istituzione divina, intatta è rimasta la sua natura sacrificale (di vero Sacrificio, di vera ri-presentazione sacramentale del Sacrificio del Calvario, come anticipato da Cristo stesso nell’Ultima Cena, della Santa Cena sacrificale di Cristo con i suoi Discepoli, con quelli che Egli aveva scelti perché fossero i suoi Apostoli, con coloro che per sua volontà aveva chiamati a diventare capaci di rendere presente il Mistero di Cristo Salvatore, nel tempo e nello spazio, “donec veniat”, fino al compimento del Regno.

Intatto dunque, e del tutto indispensabile affinché si realizzi sacramentalmente il Sacrificio di Cristo, è rimasto il ministero voluto dal Signore Gesù, il ministero del Sacerdozio santo, partecipazione del suo Sacerdozio, attraverso il quale soltanto può rendersi presente il Mistero di Cristo, può costituirsi la Nuova ed Eterna Alleanza, può costituirsi il Popolo della Nuova ed Eterna Alleanza, può attuarsi il culto spirituale gradito a Dio.

Intatta, la riforma liturgica, ha lasciato la necessità che tutti i riti ed i segni liturgici manifestino il vero contenuto e la vera natura di ogni autentica azione liturgica, manifestino cioè che la Liturgia, ed in maniera eminente e suprema la Santa Messa, è azione di Cristo, è azione che avviene per mezzo del ministero sacerdotale, è azione tutta rivolta a Dio, alla Trinità Santissima, è azione che prende tutti coloro che rigenerati dalla Grazia della Redenzione diventano capaci di diventare, in Cristo, offerta gradita al Padre, diventano addirittura oggetto del compiacimento del Padre (il Quale pone nel Figlio tutto il suo compiacimento, compiacimento che si riversa su tutti quelli che sono del Figlio, che sono di Cristo).

Chi potrebbe ragionevolmente negare che tutte queste caratteristiche emergevano con evidenza nella Celebrazione della Divina Liturgia prima della riforma liturgica?

Sono esse diventate meno evidenti con la riforma liturgica? Se qui e là è, ahimè, avvenuto non è certamente in forza della volontà del Concilio e dell’Autorità della Sede di Pietro che ha approvato la riforma liturgica, ma è perché l’interpretazione e l’applicazione concreta delle variazioni generate dalla riforma liturgica, qui e là, da parte di non pochi, non sono state attuate secondo la lettera, né secondo la “mens” della Costituzione Conciliare, sono avvenute sotto l’influsso e la spinta di una visione liturgica incompleta e talvolta anche errata (quasi come se si fosse davvero cambiata la concezione di che cosa è la Liturgia, di che cosa è la Santa Messa). Non ha forse dovuto il Papa Giovanni Paolo II, con l’Enciclica “Ecclesia de Eucharistia” richiamare con forza il carattere sacrificale della Santa Messa, la verità della mirabile “transustanziazione”, e quindi della verità della presenza nell’Eucaristia, vera, reale e sostanziale del vero Corpo e del vero Sangue di Cristo, dunque di Gesù Cristo vivo e vero, dunque del suo vero Sacrificio, dunque del vero Pane di Vita eterna?

Per quale ragione, secondo la vera riforma liturgica, sarebbe - per esempio - diventato necessario celebrare anche la parte più specificamente eucaristica della Santa Messa, cioè la parte consacratoria e sacrificale, in modo che il Sacerdote celebrante abbia il volto verso l’assemblea? In base a quale giustificazione, di testi conciliari e post-conciliari, chi avesse continuato a celebrare quella parte della Messa non rivolto al popolo veniva considerato di agire contro la riforma del Concilio? Contro il Concilio?

Se pertanto la riforma liturgica non può essere espressiva di cambiamento di fede e di dottrina (circa il Sacrificio della Messa, circa la vera natura della Liturgia, circa la differenza essenziale del Sacerdozio ministeriale dal sacerdozio battesimale o comune a tutti i fedeli, a tutto il Popolo di Dio, circa l’adorazione dovuta all’Eucaristia nella celebrazione e fuori della celebrazione, circa – in una parola – a tutto ciò che la Chiesa ha creduto, professato ed insegnato sino al Concilio Vaticano II), se la riforma liturgica non può non essere espressiva di cambiamento radicale e sostanziale (NB. Che il Concilio Vaticano II non abbia voluto mutare, né abbia di fatto mutato, la Dottrina della Chiesa sulla Chiesa, e perciò su tutto ciò che appartiene alla sua vera realtà, è stato ribadito dalle risposte ai quesiti, riguardanti soprattutto la giusta interpretazione dell’espressione della Costituzione “Lumen Gentium”: “Ecclesia Christi subsistit in Ecclesia catholica”, pubblicati in data 29 Giugno 2007 dalla Congregazione per la Dottrina della Fede), allora è legittimo e doveroso chiedersi e ben comprendere qual è il fine per cui il Concilio Vaticano II ha voluto la riforma liturgica, ha voluto che ai riti, all’insieme dei segni e delle azioni liturgiche, fossero apportate delle variazioni (variazioni non sostanziali, non tali da toccare il contenuto immutabile della Divina Liturgia).

Le variazioni e gli adattamenti voluti dal Concilio dovevano essere idonei a favorire la comprensione di ciò che veramente avviene nella Liturgia e la fruttuosa partecipazione di tutti i fedeli ai frutti sacramentali, spirituali e divini, della Liturgia. Dovevano, le correzioni, essere tali da raggiungere e muovere l’animo dei fedeli cosicché potessero accogliere con tutto l’animo l’azione divina che si attua nella Liturgia per mezzo dei segni sacramentali, per mezzo del mistero sacro, “per mano dei ministri” (come dice una bella delle espressioni della Tradizione Liturgica della Chiesa).

Era certamente opportuno che le variazioni mostrassero alcune caratteristiche dell’azione liturgica, (soprattutto della Santa Messa), in verità non cancellate dal modo con cui la Liturgia era celebrata sino allora, ma che erano divenute meno percepibili, se non con l’ausilio di buona catechesi e di accorgimenti adeguati (come quello di provvedere messalini tradotti nella lingua parlata dal popolo). Soprattutto era opportuno che le variazioni sottolineassero che l’azione liturgica, azione divina che si rende presente attraverso il ministero sacerdotale, deve coinvolgere e rendere partecipi la mente e il cuore di tutta l’assemblea, che diventa non solo spiritualmente, ma anche visibilmente attiva.

La riforma liturgica non ha avuto altra vera intenzione se non quella di avvicinare il più possibile tutti i fedeli alla ricchezza soprannaturale, immutabile, della Divina Liturgia, della celebrazione dei Divini Misteri, come la Chiesa l’aveva sempre custodita e proposta per la salvezza eterna di chi per mezzo della fede e dei sacramenti può davvero divenire nuova creatura in Cristo, membro del Popolo della Nuova ed Eterna Alleanza, figlio adottivo di Dio, erede della vita eterna.

Ma è ovvio che tale processo di vera partecipazione ai Divini Misteri non si raggiunge soltanto per mezzo delle variazioni al rito liturgico, ma richiede catechesi adeguata, richiede il ricorso a tutto ciò che favorisce la fede e la consapevolezza nel popolo cristiano circa quello che veramente si realizza nella celebrazione della Divina Liturgia.

L’avvicinamento della Liturgia alla vita del Popolo di Dio non avviene se essa sposa gesti e parole e modi di espressione più simili a quanto è in uso nella vita profana dell’uomo, nella sua vita nel secolo, ma se il Popolo coglie meglio che il vero contenuto di essa è tale da rendere nuova la sua vita, da rendere santa la sua vita, da rendere la sua vita conforme al disegno salvifico di Dio, da renderlo dunque capace di trascendere la vita nel tempo e nello spazio, immettendolo all’interno dell’adempimento dell’Eterno Mistero della Volontà di Dio. La Liturgia, e dunque la Chiesa stessa, è viva quando fa vivere i fedeli della vita divina, quando trasmette i doni soprannaturali della Grazia Divina, quando attraverso i suoi segni e parole (segni e parole desunti dalla Divina Rivelazione e dalla vita della Chiesa e dalla sua saggezza soprannaturale) raggiunge l’animo dell’uomo, lo afferra, lo possiede elevandolo sì che egli raggiunga il compimento della sua divina vocazione.

Le variazioni in materia così grave e così vitale per la fede e per la vita cristiana, da sostenere e da nutrire, vanno sempre introdotte ed applicate con timore e tremore, mai alla leggera, mai superficialmente, mai dando la benché minima impressione di voler imitare ciò che avviene nella vita del mondo, ciò che appartiene alla vita profana.

Albenga 19 settembre 2008

+ Mario Oliveri
Vescovo di Albenga - Imperia

Anonymous said...

You might also be interested in the appalling nonsense being perpetrated in the diocese of Portsmouth, UK:

http://the-hermeneutic-of-continuity.blogspot.com/2007/09/portsmouth-response-to-summorum.html